La carbossiterapia nasce in Francia all’inizio del secolo quando veniva utilzzata per il trattamento di patologie vascolari (es. arteriopatie periferiche) e consisteva nella somministrazione di anidride carbonica per via percutanea attraverso bagni carbo-gassosi secchi o bagni in acqua carbonica (CO2 99,4%). A distanza di 70 anni gli effetti benefici della carbossiterapia continuano ad essere utilizzati con molteplici applicazioni in campo medico ma con tecnologie moderne, più sicure e controllate. 

 

COME FUNZIONA


La carbossiterapia agisce sul microcircolo riducendo le resistenze periferiche e riabilitando il sistema linfatico superficiale con miglioramento della ritenzione idricaL’applicazione della carbossiterapia incide a livello micrometabolico attraverso l’acidificazione del microambiente che induce un aumentato rilascio di ossigeno ed aumento del microcircolo. Questo promuove l’effetto Bohr che spiega come prontamente l’emoglobina acquisisca e rilasci molecole di ossigeno nei fluidi extracellulari. Inoltre pare che ci sia un rilascio di fattori di crescita che migliorano la circolazione a livello capillare, stimolando la lipolisi ed incoraggiando la rigenerazione del derma. L’anidride carbonica viene iniettata localmente, mediante un ago sottilissimo (30G-32G) su tutte le zone interessate.  La concentrazione è stabilita dal medico estetico in base al problema da trattare. Subito dopo il trattamento, come conseguenza della migliorata circolazione periferica, si ottiene un’aumentata ossigenazione tissutale con riattivazione del metabolismo cellulare ed una riduzione della ritenzione idrica per potenziamento del drenaggio linfatico. Il paziente ottiene inoltre una maggiore elasticità cutanea, con evidente riduzione dello spessore ed un aspetto più omogeneo delle aree con aspetto a “buccia d’arancia”.

 

INDICAZIONI

  • Borse e occhiaie
  • Invecchiamento cutaneo
  • Lassità tissutali

CONTROINDICAZIONI

  • insufficienza renale grave
  • infezioni cutanee in atto
  • diabete scompensato
  • connettivopatie gravi
  • cirrosi epatica
  • coagulopatie
  • terapia anticoagulanti/antiaggreganti
  • tachiaritmie cardiache
  • pregresso ictus
  • gravidanza
  • tromboflebiti acute
  • anemia grave

SEDI

Viso, collo e décolleté

I tempi:

  • La durata di ogni seduta è di pochi minuti
  • La terapia viene di solito eseguita a cadenza inizialmente settimanale e successivamente ogni 10-15 giorni come mantenimento.
  • Un ciclo terapeutico può essere costituito da 5-10 sedute.
  • Il programma di trattamento, compreso il periodo di mantenimento è prescritto dal medico secondo la necessità del paziente.

APPARECCHI UTILIZZATI

C.D.T. evolution

Carbossiterapia Italiana S.R.L.

Via Zanella, 48/3 - 20133 Milano (MI)

  • Telefono:  +39 02.73.01.38
  • Fax:  +39 02.71.09.14.41
  • Mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CURE A DOMICILIO

Evitare la fotoesposizione. Evitare l’esposizione prolonguata a temperature molto alte (es.saune, bagni turchi)

 

EFFETTI COLLATERALI
  • Dolore: lieve, localizzato ai siti di inserzione dell’ago. Scompare in pochi minuti.
  • Edema: soprattutto nel trattamento della zona perioculare. Solitamente si riassorbe in 2-4 giorni
  • Ematomi: da traumatismo dell’ago. Risoluzione spontanea solitamente in 7-10 gg.

TRATTAMENTI ASSOCIATI e COMBINATI

 

LEGGI ANCHE…

lo specchio di venere aprile 2012

lo specchio di venere maggio 2012

lo specchio di venere ottobre 2013

 

 

Se vuoi saperne di più sulla carbossiterapia vieni a trovarci a Modena presso lo studio Medicina Estetica e dintorni della Dottoressa Paola Molinari, in via Giardini 45, 41124. Recapiti Telefonici:  oppure .

Dott.ssa Paola Molinari